Condividi su

The Jeff Healey Band, See the Light
Vinile in edicola dal 02/10/2019
Collana: Prog rock italiano

L’album di esordio di Jeff Healey e la sua band (composta da Joe Rockman al basso e Tom Stephen alla batteria) – destinata a diventare una delle realtà blues rock più importanti degli anni Novanta – esce nel 1988.
Il titolo è strettamente legato alla storia del chitarrista canadese che, ammalatosi di retinoblastoma, perde la vista all’età di un anno. Ma, dopo aver abbracciato la prima chitarra a tre anni, tenacia e forza d’animo lo portano a sviluppare nel tempo una particolare tecnica strumentale.

Intorno alla metà degli anni Ottanta Jeff si unisce in una jam nientemeno che con Stevie Ray Vaughan, evento che rappresenta una svolta nella sua carriera.
Il chitarrista riceve diverse offerte d’ingaggio e nel 1986 pubblica il primo singolo, See the Light, che due anni dopo diventa anche la title track dell’album di debutto.

Grezzo, puro e onesto, come ogni esordio dovrebbe essere, è impreziosito da una chitarra blues inarrivabile, alla quale lo stesso B.B. King dedica queste parole: «Non ho mai visto un’esecuzione alla chitarra più pulita di questa. Diventerà più grande di Stevie Ray Vaughan…».

See the Light mescola infatti, con una tecnica magistrale alla base, blues, funk e pop.
Il disco include, oltre ai brani originali, anche alcune canzoni scritte da John Hiatt – come la traccia di apertura (Confidence Man) e la ballata Angel Eyes (firmata Hiatt/Koller) – e la cover di Blue Jeans Blues degli ZZ Top.
Ma è il blues graffiante di Jeff il vero filo conduttore che attraversa le 12 tracce di questo LP, da My Little Girl a Don’t Let Your Chance Go By, passando per I Need to Be Loved fino alla chiusura con la title track.

Tracklist

Lato A

Confidence Man
My Little Girl
River of No Return
Don’t Let Your Chance Go By
Angel Eyes
Nice Problem To Have 

Lato B

Someday, Someway
I Need to Be Loved
Blue Jean Blues
That’s What They Say
Hide Away
See The Light 

Abbonati alla collana Blues in vinile di De Agostini.

Tutti i più grandi dischi della storia del blues – in ogni sua sfaccettatura e coloritura. Una collezione imperdibile…